“VIVI CON FIDUCIA!” – Un Messaggio di Speranza da Tony Robbins

Dire che stiamo vivendo in tempi incerti è un enorme eufemismo. Sono stato fortunato ad essere su questa terra ormai da 60 anni, dalla guerra del Vietnam all’11 settembre alla crisi finanziaria globale. Ho vissuto periodi di enormi cambiamenti e turbolenze nel mondo, in vari momenti della storia della società in cui nessuno poteva prevedere cosa sarebbe successo dopo.

Ma il livello di paura e incertezza a cui stiamo assistendo in questi mesi non ha precedenti. Lo vedo sui volti delle persone, lo sento nelle loro voci e, ora che siamo tutti nelle nostre case, con poca connessione reale l’uno con l’altro, lo sto assistendo sui social media. Abbiamo paura di essere feriti, abbiamo paura dell’economia, abbiamo paura di non avere il controllo e ora abbiamo persino paura l’uno dell’altro.

Non fraintendermi, la paura è un istinto umano naturale. È il nostro cervello di 2 milioni di anni che è progettato per proteggerci nel momento, per il bene della sopravvivenza. È sempre alla ricerca di ciò che non va, così puoi combattere, scappare dalla minaccia o anche paralizzarti. Ma se fai una di queste tre cose ogni volta che hai paura o dolore, litigherai costantemente, scapperai o ti fermerai e metterai in attesa la tua vita. E questo non è il modo di vivere che ti porta a sentirti felice e realizzato.

Sai, ogni giorno percorriamo un’autostrada con nient’altro che una linea gialla dipinta che ti divide dalle macchine che si scagliano a capofitto verso di te a 100 km all’ora. Sai che ogni singolo giorno le persone oltrepassano quella linea. Uccidono persone innocenti proprio come te dall’altra parte.

E sai anche che una certa percentuale di quei guidatori è ubriaca. Sai anche che alcuni stanno chattando con lo smartphone. Alcuni si stanno addormentando. Questi sono fatti. Ogni singolo giorno questo accade in tutto il mondo. Infatti, 1,4 milioni di persone moriranno ogni anno in incidenti stradali in tutto il mondo. Sono più di 3.200 al giorno.

Eppure saliamo ancora in macchina e guidiamo. Perché? A causa di un’altra parola che è 100 volte più potente della paura:

FIDUCIA ( o fede)

La fede non si impara, è qualcosa con cui siamo nati.  Ce l’abbiamo tutti. La fede è ciò che ci alimenta nei momenti di paura e incertezza. È più potente di qualsiasi emozione, anche della paura stessa. Quando l’inferno si scatena, ci dà la capacità di trovare il nostro centro, di aiutare noi stessi e gli altri a trovare risposte, a trovare un significato più elevato in mezzo al nostro dolore e nonostante la nostra paura. E se sei un leader, prendi quella certezza e la trasmetti agli altri, perché la convinzione umana ha un effetto virale e si diffonde sempre attraverso la passione e la genuinità. Puoi letteralmente portare una certezza incrollabile in ambienti caotici attraverso il potere della tua fiducia.

La fede/fiducia è sapere che in fondo siamo più di qualsiasi altra cosa dovremo mai affrontare, e che possiamo gestire qualunque cosa la vita ci metta di fronte. Lo abbiamo sempre fatto e lo faremo sempre. Questo è il potere della razza umana.

Gli esseri umani sono unici rispetto alle altre specie in quanto abbiamo la capacità di controllare il nostro comportamento, di allenarci ad essere emotivamente in forma e creare una forza interiore, una psicologia della resilienza. Un fallimento non significa che smettiamo di provare. Gli animali non ce l’hanno questo potere! 

Chiunque abbia mai addestrato un cane lo sa bene. Vivono uno, forse due “fallimenti” e hanno imparato la lezione, non ci riproveranno. Noi esseri umani siamo l’opposto; siamo eterni ottimisti. Falliamo e poi ci riproviamo. 

Basta guardare alcune delle aziende di maggior successo nel mondo oggi. La maggior parte dei loro fondatori e leader hanno sperimentato enormi fallimenti, molte volte, prima di avere successo. Pensa ad alcune delle coppie più felici e connesse che conosci. È probabile che ognuno di loro abbia “fallito” nelle relazioni in passato, ma si sono arresi? No. Hanno imparato, si sono adattati, sono cresciuti e hanno ricominciato.

Il bel dono dell’essere umani è che siamo resistenti come specie. Siamo adattabili per natura. Questa non sarà l’unica crisi che questo mondo passerà mai, e non sarà l’unica crisi che attraverserà nessuno di noi, e certamente non sarà l’unica crisi che passerà mai qualcuno che amiamo. Le persone non sono modellate da come vanno le cose quando le cose vanno bene; la vita delle persone è influenzata dai tempi più difficili.

Abbiamo un’intraprendenza dentro di noi che dice che non importa cosa succede nella vita, chi sono è più grande di qualsiasi cosa che possa mai accadere a me o a chiunque ami. Nessun problema è permanente e nulla di ciò che accade è pervasivo.

La vita è sia dolore che piacere, sia opportunità che sfida, sia nascita che morte. C’è una stagione e un tempo per tutto, e non sta a noi decidere quale sia la stagione giusta, o in quale stagione dovremmo essere. È nostro compito abbracciare la stagione che ci è stata data.

In questo momento di disagio, sembra proprio come uno di quegli inverni freddi e rigidi, no? Ma come disse una volta il filosofo vincitore del premio Nobel Albert Camus: “Nel profondo dell’inverno ho finalmente scoperto che c’era in me un’estate invincibile”.

L’inverno non dura per sempre. La primavera segue sempre. Torneremo alla vita normale, come facciamo sempre, come abbiamo fatto per secoli. E quando lo faremo, sarai preparato? Sei addestrato per le sfide future? Dico sempre: l’incontro di preparazione e opportunità genera la prole che chiamiamo fortuna. In ogni crisi c’è un’opportunità. Le persone che hanno successo non sono fortunate; sono solo preparati per le opportunità che si presentano. L’anticipazione è potere.

Allora, cosa farai durante questa stagione invernale? Ti siedi nella noia? Creerai emozioni impotenti e abbatterai te stesso e gli altri? O disciplinerai le tue paure, farai la guardia alla porta della tua mente, affronterai la sfida che ci attende e adotterai convinzioni che ti danno potere?

Indipendentemente da ciò che accade intorno a te, c’è una parte di te che è forte. Fai ricorso a quella parte di te. La parte di te che ha fame. La parte di te che è coraggiosa di fronte ad una paura insondabile. La parte di te che non sopporta scuse, piccolezze e cavolate. Chiama quella parte di te – chiama quella parte di te a farsi avanti per diventare ciò per cui sei stato CREATO.

Dico sempre, è quello che pratichi in privato per cui sarai ricompensato in pubblico. Questo è il tuo tempo privato, questo è il tuo tempo per l’allenamento, per la pratica, per prepararti a ciò che ti aspetta. Se la tua salute è inferiore a quella che vorresti, concentrati sul miglioramento. Se le tue relazioni sono diventate stagnanti o distanti, usa questo tempo per riconnetterti con i tuoi cari. Imprenditori, siediti e prenditi il ​​tempo per lavorare sulla tua attività, per mettere a punto strategie, per immaginare l’attività che devi Crea la tua mappa e torna a creare, progettare, agire, crescere.

Perché ti garantisco che l’inverno finirà e, quando succederà, riemergerai davanti a tutti quelli che invece si sono lasciati andare. Supererai i tuoi pari e i tuoi concorrenti. Avrai portato la tua vita al livello successivo. E mentre lo fai, io sarò qui per te.

Coloro che mi conoscono, che hanno partecipato a uno qualsiasi dei miei eventi immersivi, sanno che sono al servizio di chi vuole di più, di chi sa chi è, di chi non si accontenta, di chi sfida le aspettative ed i limiti. Ti aiuterò a creare, innovare e dare forma alla tua vita in un capolavoro ancora più grande.

Quindi vivi intensamente. Vivi con fede. Vivi con passione.


PARTECIPA A “SPRIGIONA IL POTERE CHE È IN TE” – VIRTUAL EDITION 2020
Clicca qui per le info sull’evento!

Leave A Comment