CREATIVITA’: SUPERA LE SFIDE ALLENANDOLA

Allena il muscolo della creativita’! Hai una difficoltà e non riesci a superarla? Tutte le strategie che hai sempre applicato non funzionano più? Ti sembra di non aver più alcuna via d’uscita?

Risolvi i problemi con la creativita’!

Se le soluzioni che hai trovato finora non sono state efficaci, piuttosto che continuare a “sbatterci contro”, cambia prospettiva!
Prova a guardare il problema da un’angolazione diversa, a percorrere strade nuove. A volte la soluzione non si cela dietro “l’ovvio”, l’usuale, ma dietro il “nuovo”, l’insolito. La via d’uscita c’è sempre, basta solo cercarla nel posto giusto!

E tu, hai mai applicato il pensiero creativo nella risoluzione di un problema? O, per caso, pensi che la creativita’ sia una dote innata?La creativita’ è un’abitudine devi solo imparare a svilupparla! Pensa al mondo dei piccoli. I bambini applicano il pensiero creativo continuamente: guardano le cose da punti di vista diversi, sono curiosi di quello che non hanno mai fatto, trovano soluzioni geniali dietro alla semplicità.

Se sei pronto ad accendere il pensiero creativo, ecco 6 tecniche collaudate che ti aiuteranno ad essere sempre brillante ed efficace nelle situazioni complesse.

1. Apri la mente

La flessibilità è il migliore alleato della creativita’. Di fronte ad un problema non ti focalizzare su un’unica soluzione, ma apri la mente anche a quelle che inizialmente possono sembrarti assurde. Fai una sorta di “brainstorming” e lascia che il tuo pensiero fluisca liberamente. Se incontri delle difficoltà, aiutati ponendoti dei quesiti: le domande non portano subito risposte, ma favoriscono nuovi percorsi mentali.

2. Fai un passo alla volta

I problemi vanno risolti in maniera graduale. Se pretendi di venire a capo delle tue difficoltà in poco tempo, aumenti solo lo stress, il nervosismo e blocchi il pensiero creativo.
Impara a dividere il problema in tante parti più piccole, risolverne almeno una alimenta la fiducia in te stesso e ti stimola a cercare nuove idee e soluzioni.

3. Chiedi un parere ai tuoi colleghi

Quando esponi ad un altro la tua difficoltà, sei inevitabilmente portato a riflettere in maniera più oggettiva su tutte le sfaccettature del problema; questo ti permette di razionalizzarlo e di ritrovare calma e lucidità. Durante la conversazione, inoltre, sforzati  di prendere in considerazione tutti i suggerimenti che ti vengono offerti, potresti trarne degli spunti davvero illuminanti. A volte le idee geniali nascono proprio dal confronto e dalla discussione.

4. Fai un’analisi delle cause

Focalizzati sull’origine della tua difficoltà. Torna indietro nel tempo e chiediti quali sono stati gli atteggiamenti, i comportamenti, le circostanze che ti hanno portato a questa situazione senza via d’uscita. Fare chiarezza sulle cause ti aiuta nell’identificazione delle possibili soluzioni.

5. Identifica le conseguenze

Una volta che hai preso una decisione, prima di metterla in pratica, chiediti a quali conseguenze negative potrebbe portare.
Se ad esempio hai deciso di investire in una campagna pubblicitaria molto costosa per rilanciare un prodotto della tua azienda, chiediti cosa accadrebbe se l’investimento non portasse al risultato sperato. Se ti rendi conto che “il gioco non vale la candela”, cerca un’altra soluzione. La creativita’ è anche capacità di prevenire gli errori.

6. Datti una scadenza

Se hai identificato la soluzione giusta, mettila subito in pratica e stabilisci dei tempi di verifica. Se hai definito un piano per risollevare le vendite della tua azienda, applicalo subito e verifica mensilmente quali risultati hai raggiunto. Questo atteggiamento ti aiuta a valutare concretamente la fattibilità della tua idea e contribuisce alla creazione di nuove: il pensiero creativo in pratica.

Esercizio n.1

«Le persone che fanno le cose che hanno sempre fatto, ottengono i risultati che hanno sempre ottenuto»

Almeno una volta a settimana, prendi la buona abitudine di fare una cosa che non hai mai fatto.
Mentre torni a casa, dopo il lavoro, cambia percorso: esplora nuove strade, soffermati sui particolari, sulle persone, sui palazzi.
Nel weekend, se hai più tempo, prendi un autobus di cui non conosci la destinazione e goditi “il viaggio”.
Quando sei disponibile alle novità e al cambiamento, la tua mente diventa più ricettiva agli stimoli esterni e di conseguenza aumentano le tue capacità di problem solving e creativita’.

Esercizio n.2

“Segui la corrente invece di sfidarla”

Vogliamo dedicare l’ultima parte di questo articolo ad un “esercizio preliminare”, da applicare ogni volta che ti accingi a risolvere un problema, per aprire più facilmente le porte della tua creativita’. Quando ci troviamo di fronte ad una difficoltà, spesso tendiamo a focalizzarci sulle emozioni negative che quella situazione ci crea. Ci sentiamo ansiosi, stressati e blocchiamo così il normale flusso del pensiero creativo.

Se ti senti alle strette, prova a cambiare prospettiva: formula una serie di affermazioni che ti recano sollievo, che ti danno “leggerezza” e benessere. Questo non è un modo per convincere te stesso che puoi  risolvere quel problema, piuttosto una tecnica pratica per cambiare automaticamente atteggiamento nei confronti della tua difficoltà, per affrontare la situazione con un approccio “diverso”, più positivo, che facilita la ricerca delle soluzioni.

Nel concreto… Hai iniziato un’attività di vendita ma non ottieni buoni risultati? Ecco una serie di pensieri depotenzianti che possono bloccare la tua creativita’:

•    Mi sento umiliato quando le persone mi rispondono no
•    Mi sembra di forzare le persone a fare una cosa che non vogliono
•    Sono considerato un seccatore
•    Nella vendita conta la fortuna di trovare la persona giusta
•    Mi disturba dover chiedere soldi agli altri
•    Ci sono venditori che sono agevolati perché hanno zone e clienti migliori
•    Già la situazione economica è difficile, le persone non hanno soldi da spendere

Segui la corrente, invece di sfidarla!

Individua, fra i pensieri che ti riportiamo qui di seguito, quelli che ti recano sollievo, che ti fanno sentire meglio.
Sono proprio questi che ti “prepareranno” alla ricerca delle soluzioni.

•    Quando parlo di quello che vendo le persone hanno la possibilità di conoscere un nuovo prodotto che può essere loro  utile
•    Se le persone non vogliono comprare, sanno come dirlo
•    Il no che mi dicono è verso il prodotto non verso di me
•    Non posso sapere quello che sta facendo la persona quando la chiamo, se mi risponde sgarbata è perché forse è impegnata
•    Non posso conoscere realmente la situazione economica del cliente che ho di fronte
•    Non so veramente come fa quel venditore a fare più vendite di me
•    Attraverso i no, imparo nuovi modi per presentare il mio prodotto

Vedrai che con questa nuova prospettiva, la tua mente sarà più libera, più aperta e sarai più facilitato nella risoluzione di tutte le situazioni complesse.

 

I problemi non esistono, esistono solo richieste di risposte!

 

E senza richieste non può nascere il pensiero creativo! Continua ad allenarti:
– I tuoi collaboratori non vanno d’accordo tra di loro?
– Il tuo nuovo progetto è stato bocciato?
– Non riesci a trovare la strategia giusta per posizionare sul mercato il tuo nuovo prodotto?

Applica l’esercizio in questi contesti e ogni volta che ne hai bisogno, ti scoprirai un eccellente Solution Finder! Diventare creativi è solo questione di abitudini!

 

http://anthonyrobbins.hiperformance.it/

One Comment

  1. Sabrina-
    8 settembre 2018 at 17:35

    Grande Tony

Leave A Comment