LE NOSTRE ESPERIENZE: COME AVERE SEMPRE UNA PROSPETTIVA POSITIVA

Una tecnica utilizzata in psicologia e nella crescita personale è quella di  imparare ad interpretare le nostre esperienze da diversi punti di vista.

Riuscire a vedere il bicchiere mezzo pieno è una capacità della nostra mente che si può allenare!

Quante volte ci lamentiamo perché “le cose ci vanno male”? Quante altre ci chiediamo “perché la sfortuna perseguita proprio noi?” Sarebbe bello riuscire a colorare le situazioni nere della nostra vita … ma come riuscirci? Ripeterci banalmente “sono felice, sono felice!” non ci farà di certo provare questo sentimento. Per vedere il “bicchiere mezzo pieno” basta capire che una stessa esperienza può essere interpretata in un infinito numero di modi. La sfortuna è solo un punto di vista; le nostre sensazioni e il nostro agire dipendono dalla percezione che abbiamo delle nostre esperienze. Se percepiamo una cosa come negativa, sarà questo il messaggio che trasmetteremo al nostro cervello, il quale a sua volta produrrà stati che ne faranno una realtà.

Il bello è che la stessa cosa accade se percepiamo una cosa come positiva! Se guardiamo la vita con una prospettiva positiva, in un istante potremo cambiare i nostri stati d’animo e comportamenti, ossia la nostra realtà!

LA TECNICA DEL REFREMING

Tutto ciò è possibile attraverso il “reframing” (ricontestualizzazione), particolare tecnica che consente di alterare la rappresentazione interna delle nostre esperienze, trasformando una prospettiva negativa in una positiva e coltivando uno stato d’animo più ottimista e produttivo. Il reframing è una della più valide modalità con cui cambiare la maniera di porsi di fronte ad un’esperienza negativa.

Due sono le modalità di reframing: la ricontestualizzazione del contesto e la ricontestualizzazione del contenuto. L’applicazione di questi metodi consente di liberarsi da ciò che causa stress, depressione, paura, fobia. Il motivo? Esse ci consentono di individuare il contesto più utile per ogni esperienza, in modo da poterla trasformare in qualcosa che operi a nostro vantaggio anziché a nostro sfavore. Ricordiamoci sempre che al timone ci siamo noi, siamo noi a dirigere il nostro cervello, noi a produrre i risultati che otteniamo!

IL REFREMING DEL CONTESTO

La prima consiste nel prendere un’esperienza per noi negativa, sconvolgente, indesiderabile, e dimostrare come la stessa sia in effetti di grande vantaggio in un altro contesto. Questa modalità, ad esempio, è preziosissima in campo economico. Il nostro socio è una palla al piede? Cambiando il contesto, potremmo renderci conto che, al termine delle nostre riunioni creative, poteva invece essere validissimo come sostegno, in quanto era l’unico capace di accorgersi in anticipo delle potenziali difficoltà.

IL REFREMING DEL CONTENUTO

La seconda comporta che si prenda la stessa identica situazione negativa e gli si cambi il significato. Facciamo alcuni esempi: Nostro figlio non la smette mai di parlare? Dopo aver cambiato la prospettiva del contenuto, potremo giungere alla conclusione che è un ragazzo intelligentissimo, poiché ha tante cose da dire. Il capo ci rimprovera? Possibile ricontestualizzazione: “è un bene che il capo abbia cura di dirci quali sono le sue effettive intenzioni. Avrebbe potuto licenziarci”. Quest’anno abbiamo pagato di tasse 4000 euro in più rispetto all’anno scorso? Possibile refreming: “Ottimo! Evidentemente quest’anno abbiamo guadagnato molto di più dell’anno scorso!”.

 

 

Leave A Comment