PARTNER: E TU COME TI COMPORTI?

La chiave per una relazione profonda e passionale è capire come relazionarci al meglio con il proprio partner. In che modo le tue paure, i tuoi limiti, i modelli di comportamento che hai da sempre osservato interferiscono con la tua capacità di entrare in contatto con la persona che ti è accanto?

Se volessi massimizzare non solo la qualità della tua relazione ma la gioia e  ed il senso di profondo appagamento delle esperienze che condividi con il tuo partner è il momento di abbandonare un approccio mentale egocentrico per concetrarti  sui bisogni più veri ed autentici del tuo partner.

Dando priorità ai bisogni ed ai desideri del tuo partner, aumenterai il tuo senso di fiducia e di sicurezza e questo porterà la vostra coppia ad essere più unita. Prima di procedere a questi cambiamenti, è importante riconoscere quale dimensione stia attraversando la tua relazione in questo momento, il che vuol dire esaminare quali dinamiche la vostra coppia si trova a vivere quotidianamente.

 

http://anthonyrobbins.hiperformance.it/

 

Invece di domandarti quanto bravo sia il tuo partner, domandati: stai vivendo una relazione mono/bi/tri – dimensionale? E soprattutto che cosa sei disposto a fare per il tuo partner e raggiungere quindi quella relazione che hai sempre desiderato?

 

Relazione con il partner mono-dimensionale

Tu sai di essere in una relazione monodimensionale quando tutto si focalizza su di te e non su di te ed il tuo partner. La tua finalità è riuscire a soddisfare i tuoi bisogni, capire cosa ti rende felice e cosa no; sei disposto a vivere la relazione fin tanto che ottieni quello che vuoi.

Questi partner avvertiranno sempre come sacrificio lo scendere a compromessi e rinunciare a soddisfare alcuni loro bisogni al fine di avere una relazione pacifica. Quando i loro desideri non saranno esauditi, allora saranno in grando di trovare un altro modo per soddisfarli e questo inevitabilmente creerà maggiore distanza e disconnessione nella coppia.

Relazione bi-dimensionale

Questo tipo di relazione si fonda sul concetto di eguaglianza. Il focus di entrambi i parter è quello di venire incontro ai desideri dell’altro. La tua credenza circa l’essere un buon partner è: “io mi prenderò cura di me stesso, tu ti prenderai cura di te stesso ma… se non riesci a soddisfare i tuoi bisogni io non posso farci nulla”. Questo ragionamento vuol dire che il tuo cervello funziona ancora su prerogative fondamentalmente egocentriche.

In apparenza sembra una situazione egualitaria, giusto? Tu fai la tua parte, io faccio la mia e poi facciamo che queste cose accadano insieme. E’ così che le  cose dovrebbero andare, non è vero? Si tratta di una vera e propria partnership. Si, questo è sicuramente giusto per una partnership ma è devastante al fine di mantenere un rapporto di dualità nella nostra relazione. Se siamo uguali alla persona che abbiamo accanto, non c’e passione, non c’è confronto.

A ben guardare la maggior parte della popolazione appartiene a questa categoria e come conseguenza la maggior parte di noi non vive relazioni soddisfacenti.

Relazione tri-dimensionale

In questa relazione entrambi i partner si assumono la piena responsabilità del benessere dell’altra persona. Tu senti sinceramente che i suoi bisogni sono anche i tuoi bisogni e non ti fermerai o abbandonerai per nessun motivo finchè non riuscirai a soddisfarli. In questo tipo di relazione essere un buon partner significa agire ad un livello spirituale.

Quando qualcuno ti dice: “ascolta io faccio tutto quello che posso ma tu devi fare la tua parte, può andar bene in prima battuta ma in verità la relazione non è ottimale. In una relazione tridimensionaletu non sarà più io faccio la mia parte e tu la tua, ma io vivo per renderti felice, fai ciò che ti fa stare bene, vivi le tue emozioni, io ti amo e ti porterò al prossimo livello”.  Questa e la relazione che tutti noi vogliamo raggiungere, dove l’energia, la passione e la gioia verranno naturalmente!

ESSERE UN BUON PARTNER

In quale di queste dimensioni pensi si trovi la tua relazione? A quale categoria pensi appartenga la persona che hai accanto? Quali sono le conseguenze di trovarsi in questa dimensione? Siete entrambi d’accordo sulle qualità indispensabili per essere un buon partner?

Se vuoi apportare dei cambiamenti durevoli alla tua relazione, smetti di focalizzarti su quello che il tuo partner sta facendo o non facendo ed inizia invece a domandarti: “in che modo io sto contribuendo alla mia relazione? Posso definirmi un buon partner?”

Dando priorità ai bisogni del tuo partner non stai rinnegando i tuoi, stai semplicemente facendo sapere al tuo partner che tu sei lì per lui, che lui può fidarsi di te e che può sentirsi al sicuro nella sua vulnerabilità. Questo sicuramente rafforzerà il vostro senso di intimità e la vostra connessione, facendo diventare semplicemente straordinaria la vostra relazione!

 

One Comment

  1. Graziella-
    24 settembre 2018 at 5:57

    Wow

Leave A Comment